Home Page
Videoserveglianza parti comuni

La ripresa di parti comuni (in senso fisico) a più abitazioni non è sanzionabile penalmente, almeno secondo la AnteprimaCassazione. Ciò perché " le aree comuni non rientrano nei concetti di "domicilio", "privata dimora" né "appartenenze di essi" ai quali si riferisce l'art. 614 c.p. (richiamato dall'art. 615 bis c.p.), nozioni che individuano una particolare relazione del soggetto con l'ambiente ove egli vive la sua vita privata, in modo da sottrarla ad ingerenze esterne indipendentemente dalla sua presenza: i luoghi sopra menzionati sono, in realtà, destinati all'uso di un numero indeterminato di soggetti e di conseguenza la tutela penalistica di cui all'art. 615 bis c.p. non si estende alle immagini eventualmente ivi riprese (Cass. pen., 29 ottobre 2008, n. 44701; 10 novembre 2006 n. 5591; 25 ottobre 2006 n. 37530)" (Cass. 9 agosto 2012 n. 14346).

 
Terracina Ambiente, avvisi a mezza cittÓ

LE NOTIFICHE DEL TRIBUNALE PER CHIUDERE L’ITER DEL FALLIMENTO

Crediti e debiti, lettere a 25 mila utenti di Terracina

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------

SONO stati raggiunti dalla lettera in 25 mila, più della metà dell’intera popolazione residente.

Mittente, il Tribunale di Latina, che in fase di chiusura della procedura fallimentare della Terracina Ambiente sta avvisando tutti i contribuenti che nel 2011 hanno pagato la Tia, tariffa integrata ambientale, sui rifiuti, della loro posizione nei confronti della ex spa fallita nel dicembre del 2011.

Il curatore fallimentare , dottor Arnaldo Falconi, è in fase di chiusura dei conti.

In tutto sono stati conteggiati 25 mila contribuenti, ma non tutti hanno un credito.

Tra di loro, 14 mila sono creditori, ma ben 11 mila sono contribuenti che, ad una revisione dei conti, hanno pagato troppo poco di Tia rispetto ai calcoli fatti dal tribunale sulla tariffa applicata a suo tempo.

Il 31 gennaio si terrà l’udienza per definire lo stato passivo della società fallita Terracina Ambiente. 

---

ISTANZE PER L'AMMISSIONE AL PASSIVO

Le istanze andranno inviate al Tribunale di Latina, Piazza Buozzi 1, 04100 Latina:

SCARICA I MODULI: 

1: MODULO istanza al Curatore (SOGG.FISICI)

2: MODULO istanza al Curatore (SOCIETA') 

 
IL TAR BLOCCA LA FOGNA TAX

I GIUDICI AMMINISTRATIVI HANNO ACCOLTO LA RICHIESTA DI SOSPENSIVA PRESENTATA DAGLI UTENTI

Il Sindaco, intimando l'allaccio alle fogne e il pagamento della tassa da 396 euro a favore della Terracina Sviluppo sarebbe andato al di là delle proprie competenze esercitando dunque un  eccesso di potere.

Articolo pubblicato sul quotidiano LATINA OGGI del 25 luglio 2009:

 

 
ACQUALATINA VUOLE LE FOGNE

CASO TERRACINA SVILUPPO, IL GESTORE IDRICO METTE ALLE STRETTE IL SINDACO NARDI

La commissione nazionale di vigilanza, come aveva già precisato il garante idrico regionale, sostiene che il balzello imposto dalla Terracina Sviluppo - la famigerata <<fogna tax>> - è assolutamente illegittimo. Somma pari a 396 euro richiesta dalla Terracina Sviluppo per l'autorizzazione allo scarico, a fronte di quella stabilita dall'Ato pari a 154,95 euro più Iva.

 

Leggi tutto...
 
FOGNE A PESO D'ORO

TERRACINA SVILUPPO TORNA ALLA CARICA CON LE RICHIESTE DI PAGAMENTO PER GLI ALLACCI ALLE FOGNE.

 

RICHIESTE DA TERRACINA SVILUPPO, MA C'E' ANCHE ACQUALATINA  

FOGNE SUL LITORALE: SI PAGA DUE VOLTE. PROTESTE DEI CITTADINI: POCA CHIAREZZA

 

 
 
LE CARTELLE DI ACQUALATINA SONO TUTTE ILLEGITTIME

L'ORDINANZA: NON SI PUO' ISCRIVERE A RUOLO SULLA BASE DI SEMPLICI FATTURE. 

Le cartelle esattoriali che l'Acqualatina invia tramite Equitalia Gerit, ai cittadini morosi sono illegittime.

Lo ha stabilito la Corte di Cassazione di Roma che ha rigettato il ricorso presentato dalla società che gestisce il servizio idrico contro la sentenza del giudice di pace del 22 giugno 2009 che annullava la cartella esattoriale.

Il collegio giudicante ha stabilito che: <<in un rapporto di diritto privato, salvo diverse disposizione di legge, sono iscritti a ruolo quando risultano da titolo avente efficacia esecutiva >> e che quindi <<poichè le fatture di Acqualatina non costituiscono titolo esecutivo il ricorso va rigettato>>.

 

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 Pross. > Fine >>

Risultati 8 - 14 di 22